Seleziona una pagina
In un mondo di zucchero,vaniglia,farina,uova,la carne sembra un’estranea che timidamente fa capolino chiedendo il permesso.Non perchè non mi piaccia,certamente non ne sono golosa,ma con due figli grandi e un marito perennemente affamato,la cucino “dibattendomi”tra i mille modi di proporla,cercando di non  ripetere sempre le stesse pietanze.Purtroppo,la fantasia dinanzi al bancone del macellaio se ne va per i fatti suoi,ostinandosi a non tornare,nonostante la chiami a gran voce.Complice anche il coltellaccio che lui maneggia con grande maestria,mi distraggo facilmente,sognando di imparare un giorno a disossare conigli,polli,maiali,mucche e …..le quaglie NO,,mi fanno davvero impressione!Ma anche i conigli,poveri son tanto bellini,però dai, coi polli,nessuna pietà…..
Ok, ok,torno la Dami di sempre,scaccio via l’assassina che c’è in me e vi confido la ricetta,che tra dubbi,dita legate insieme allo spago da cucina,tritatutto cocciuto,forno fumantino,mi ha dato gran soddisfazioni!
Ingredienti:
2 filetti di maiale di circa 350 g. l’uno
10 fettine di pancetta affumicata
1 uovo leggermente sbattuto
200 g. di pane privato della crosta
4 foglie di salvia
3 ciuffetti di timo
4 scalogni
50 g. di burro
scorza grattugiata di un limone
500 g. di patate a spicchi
10 acini d’uva rosa
pepe rosa in grani
pepe nero q.b
sale q.b 
olio evo q.b
*************
Nel mixer mettere il pane con le erbe e lavorare fino ad ottenere un pangrattato.Da parte rosolare 2 scalogni tritati con 25 g. di burro ed aggiungerli al pangrattato,insieme all’uovo e la scorza grattugiata del limone.Aggiungere un pizzico di sale,mescolare e mettere il ripieno da parte.Preriscaldare il forno a 180°.Aprire i filetti di maiale,tagliandoli per il lungo,cercando di non reciderli.Salare e pepare leggermente.Disporre il ripieno su uno dei filetti e sovrapporre l’altro,con il taglio rivolto verso il basso a coprire il tutto.Stendere la pancetta sulla carne e legare con lo spago da cucina.Scaldare in forno tre cucchiai di olio e il resto del burro in una teglia.Aggiungere il maiale.farlo rosolare da entrambi i lati in modo da sigillarlo.Sfumare con brodo caldo o acqua,coprire con la stagnola e cuocere così per almeno mezz’ora,irrorandolo ogni tanto col suo succo.Aggiungere le patate e dopo dieci minuti gli scalogni interi.Pepare e salare.Cuocere per trenta minuti,unendo negli ultimi cinque anche gli acini d’uva e il pepe rosa.Servire,il maiale tagliato a fettine,con scalogni,patate ed uva.
Prima di tagliare l’arrosto,farlo riposare almeno dieci minuti,avvolto nella stagnola.Sarà più facile da porzionare e rimarrà più umido.

E con questa ricetta partecipo al contest Forno delle feste di Pensieri e pasticci.
Simo è tutta per te!

Un abbraccio esagerato e alla prossima!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: